12/02/2018 21:31

Pecchia a Telenuovo:
"Ora vi dico tutto"

"Credo fortemente nella mia squadra. Perchè si è creato questo "clima negativo" con i tifosi? Il clima che si è creato non è certo dei più facili, non so dare una risposta precisa, la situazione in classifica certo non aiuta. Io vivo a Verona e sto bene, giro per strada senza problemi: è una città di grande civiltà. Poi sono capitati anche certi episodi "strani". A Racines alcuni tifosi mi hanno fatto alzare la maglietta perchè credevano avessi il tatuaggio del Napoli. Abbiamo commesso tanti errori, sia io che Fusco, ma io non ho mai messo in dubbio il nostro tifo, anzi ribadisco che abbiamo bisogno del loro pieno supporto". Fabio Pecchia interviene così ospite di "Ghe la Femo", in onda su Telenuovo.

Pecchia ha continuato: "Il campionato è ancora aperto. L'andamento fuori casa è buono per una squadra che deve salvarsi, ora bisogna assolutamente fare meglio in casa. Ho fatto anche io degli errori, certamente potevo fare meglio certe cose. Il mio calcio punta sempre a vincere: che poi la vittoria arrivi con possesso palla o con tre contropiedi non cambia nulla. Mi adeguo ai giocatori che sono arrivati. Ci difendiamo spesso bassi? Capita perchè sei costretto da alcune situazioni. Giocare contro la forza che ha la Roma o il Napoli non è facile. Ti impediscono di fare il tuo gioco. Dobbiamo cercare di trascinare il nostro pubblico".

Il tecnico del Verona ha parlato anche del mercato: "I nostri giocatori hanno anche molta fisicità non puntiamo solo sulla tecnica: penso a Buchel o Fares. Mercato? La società punta al risultato sportivo ma ha un occhio di riguardo per la gestione finanziaria. La società è strutturata, merita di stare in Serie A. Sono fiero e contento dei miei giocatori. Non ci sono stati investimenti? Questo non vuol dire che se spendi tanto poi hai molte più possibilità di salvarti. Basta guardare il Benevento quanto ha speso e quanti punti ha fatto fino ad ora".

Pecchia ha proseguito: "Pazzini? Non c'è nessun segreto. Con Giampaolo ho avuto il rapporto più diretto che ho avuto nella mia carriera, sia da giocatore che da allenatore. Io ho fatto una scelta tecnica, non faccio quello che decide la società. Calvano? Non lo conoscevo nemmeno poi per alcune contingenze è stato integrato in rosa e si è inserito in squadra, pian piano sta migliorando. Pazzini non era titolare col Napoli perchè credevo fosse la scelta migliorare per provare a vincere. Faccio sempre scelte tecniche".

Sul rapporto con la società: Io sono troppo aziendalista? No, io dico sempre quello che penso, la società ha sempre detto che dobbiamo salvarci all'ultima giornata. Le mie scelte sono solo tecniche, non faccio quello che vuole la società per questioni economiche. Io vivo la quotidianità della squadra, vedo in allenamento chi dà il massimo e chi deve impegnarsi di più. E poi faccio le scelte".

Poi si è parlato anche dei singoli: "Felicioli? Non era pronto da un punto di vista fisico poi ha recuperato. Adesso c'è Fares che mi garantisce una certa spinta offensiva. Kean è il nostro bomber, adesso speriamo di riavere presto Cerci, in attacco abbiamo qualità. Via Caceres? Non c' solo Ferrari, Romulo può fare bene anche il ruolo di terzino destro. Sono troppo aziendalista in quello che sto dicendo? No, Bessa voleva andare via non è stato venduto per i soldi, dunque non si poteva trattenere con la forza. Zuculini? Aveva una grande possibilità e non volevamo bloccargli un'importante opportunità. Cassano? Dava dei bei segnali "tecnici"; poi purtroppo ha fatto un'altra scelta".

Sulle dimissioni e il pubblico:"Mai pensato alle dimissioni? Non sono legato ai soldi e ai contratti. Non mi dimetto perchè credo nel gruppo e credo che possiamo salvarci. Il pubblico può farci vincere le partite, abbiamo bisogno del loro entusiasmo per raggiungere il nostro obiettivo".

In chiusura una battuta: "Resto a Verona? Solo se retrocedo..."

INFORMAZIONE SULL'UTILIZZO DEI COOKIE PER QUESTO SITO. L'utilizzo dei cookies è finalizzato a rendere migliore l'esperienza di navigazione sul nostro sito. Se continui senza cambiare le tue impostazioni, accetterai di ricevere i cookies dal sito che stai visitando. In ogni momento potrai cambiare le tue impostazioni relative ai cookies: in caso le impostazioni venissero modificate, non garantiamo il corretto funzionamento del nostro sito. Alcune funzioni del sito potrebbero essere perse, non riuscendo più a visitare alcuni siti web. Per saperne di più, leggi l'informativa completa qui
ACCETTA