24/05/2019 12:35

Ecco Stoytchev: Nostri
centrali punto fermo

"Gli obiettivi sono molto importanti. Da fuori non era chiaro dove la squadra voleva arrivare anche se ho grande rispetto per Nikola Grbic. Il presidente mi ha guardato negli occhi e io ho accettato". Il nuovo allenatore della Calzedonia Verona, Radostin Stoytchev, si presenta così dalla splendida cornice della terrazza dell'Hotel Milano di fronte all'Arena.

"Non conoscevo nessuno di loro - ha aggiunto il coach bulgaro - il mio primo contatto con la Calzedonia è stato pochi giorni fa, il 5 maggio. Non mi mancano le esperienze, il nostro approccio sarà semplice".

Il tecnico ex Trento ha vinto tutto in Trentino (4 Scudetti e 3 Champions) e ha subito le idee chiare sui giocatori che resteranno: "La direzione la dà la società. Lo staff? Avrò il mio vice Simoni. Ci saranno due punti fermi, i centrali: Solè e Birarelli (che ha allenato entrambi a Trento, ndr) di cui ho enorme stima".

A presentare il nuovo coach, il presidente Magrini: "Parte oggi con Stoytchev un nuovo corso della Calzedonia. Sarà un progetto vincente. Il prossimo anno sarà di costruzione. Punteremo sui giovani: vogliamo valorizzare i nostri ragazzi. Infatti, penso che la rosa futura avrà qualche ragazzo del nostro settore giovanile". Magrini ha ribadito: "Vogliamo andare avanti con entusiasmo, magari recuperando quello che ci è mancato negli ultimi mesi".

Il vicepresidente Bazzoni ha aggiunto: "Voglio togliere i dubbi sulla nostra direzione. La scelta di Stoytchev è chiarissima. È il miglior tecnico per lanciare i giovani e scoprire talenti. Pensiamo ad un piano triennale molto ambizioso. Obiettivo sarà comunque vincere fin da subito. Il coach ha già individuato giocatori giovani molto importanti. Vogliamo costruire gioiellini che ci facciano vincere".

L.VAL.



Guarda anche: